CARICAMENTO...

Rassegna Stampa Fiscale

27 Gennaio 2021

Conte ora non chiude a Renzi ‘Emerga chi ha a cuore il Paese’

Corriere della Sera - Marco Galluzzo e Monica Guerzoni - Pag. 2

Ieri il premier Conte si è recato al Quirinale per formalizzare le dimissioni. È consapevole che Matteo Renzi, leader di Italia viva da tempo aveva in mente l’intenzione di farlo fuori ma a fine serata in un post su Facebook, al termine di una giornata dura, non chiude le porte al senatore di Rignano e fa appello a ‘tutte le voci che hanno a cuore le sorti della Repubblica’ per un Esecutivo che ‘offra una prospettiva di salvezza nazionale’ aperto a tutti, sovranisti esclusi. Ai moderati e ai centristi, a cui affida il miracolo numerico del Conte ter, propone un’alleanza di ‘chiara lealtà europeista’. Sulla bilancia delle trattative mette ‘una riforma elettorale di stampo proporzionale, e riforme istituzionali e costituzionali ‘come la sfiducia costruttiva’. Ammette anche che il prossimo premier potrebbe non essere lui; l’importante – dice – è che la Repubblica possa rialzare la testa. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Conte apre a Renzi e cerca una ‘maggioranza europeista’’ – pag. 2)

27 Gennaio 2021

L’Fmi taglia le stime sull’Italia Il Pil 2021 crescerà solo del 3%

Corriere della Sera - Giuliana Ferraino - Pag. 34

Secondo il Fondo monetario internazionale il mondo crescerà più del previsto quest’anno, con un balzo del 5,5% ma in Italia la crescita si fermerà al 3%, 2,2 punti percentuali in meno delle attese, contro il 6% previsto dal Governo. Nel 2021 tutta la zona Euro rallenterà, mentre Stati Uniti e Cina hanno ripreso a correre con previsioni rispettive di +5,1% e +8,1%. Resta una grande incertezza legata al Covid-19, alle sue varianti e, in particolare, ai vaccini. ‘Questa è l’ora del multilateralismo, che non significa solo lavorare in qualche modo insieme, ma significa dar prova di trasparenza. E all’inizio della pandemia, probabilmente non siamo stati trasparenti quanto avremmo dovuto riguardo, ad esempio, all’informazione divulgata dalla Cina sull’origine del virus’ ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel nel suo intervento al World Economic Forum di Davos. Anche il presidente francese Macron parla di un multilateralismo efficace scommettendo sulla collaborazione del nuovo presidente Usa. L’Europa – dice – deve puntare sull’innovazione per costruire un’economia più resiliente agli choc, più sostenibile e più umana. Oggi, a sorpresa, parlerà Putin. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Fmi: riviste al ribasso le stime per l’Italia, Cina e Usa accelerano’ – pag. 3 e ‘Merkel: sì al multilateralismo, ma con regole e trasparenza’ – pag. 21)

27 Gennaio 2021

Start up e Pmi innovative, sbloccato il bonus fiscale del 50%

Il Sole 24 Ore - Carmine Fotina - Pag. 5

Il decreto con i super incentivi fiscali per chi investe in start up vede il traguardo. Il provvedimento è all’esame della Corte dei conti, ultimo passaggio prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Parliamo del decreto Mef-Mise che attuerà la misura contenuta nel Dl n. 34/2020 che prevede detrazioni fiscali del 50% a favore delle persone fisiche che investono in start up innovative, nei limiti del ‘de minimis’ sugli aiuti di Stato. Il testo originario della misura lanciata nella legge di Bilancio 2019 non aveva ricevuto il via libera della Commissione europea perché priva del riferimento al de minimis. Inoltre l’incentivo era esteso anche alle società di capitali. La nuova misura prevede che l’investimento in start up o Pmi innovative deve essere mantenuto per almeno 3 anni. Ammessi come conferimenti in denaro anche la compensazione dei crediti in sede di sottoscrizione di aumenti di capitale.

27 Gennaio 2021

Cartelle a rate, nuova chance dopo lo stop alla rottamazione

Il Sole 24 Ore - Luigi Lovecchio - Pag. 23

L’Agenzia delle Entrate-Riscossioni, in risposta ad uno dei quesiti formulati in vista di Telefisco 2021, conferma che i contribuenti decaduti a fine 2019 da una delle tre edizioni della rottamazione degli affidamenti, con dilazioni pregresse scadute, possono presentare richiesta di un nuovo piano di rientro, senza la necessità di dover pagare le quote pregresse. Per effetto del decreto legge Ristori i soggetti che all’8 marzo 2020 erano incorsi in rateazioni decadute possono accedere a una nuova dilazione del debito residuo, senza prima pagare le rate scadute. A tal fine è necessario presentare istanza entro la fine del 2021. La stessa misura, inoltre, ha esteso ai debitori decaduti dalle prime due edizioni della rottamazione l’agevolazione già riconosciuta a chi ha abbandonato la rottamazione ter.

27 Gennaio 2021

Detassazione degli utili con attività vincolate

Il Sole 24 Ore - Gabriele Sepio - Pag. 23

Fondazioni. Taglio dell’Ires del 50% sugli utili percepiti dagli enti non commerciali ma solo se operano in determinati settori. L’Agenzia delle Entrate si pronuncia in merito alla disposizione introdotta dalla legge di Bilancio 2021 che consente una riduzione del carico fiscale per gli enti non commerciali. L’accesso al beneficio è riservato solo agli enti non profit che svolgono attività di interesse generale nei settori di interesse delle fondazioni di origine bancaria. Un elenco che non sembra adeguato allo scopo, dal momento che finisce per escludere importanti ambiti di riferimento per il terzo settore. Il comma 45 della manovra esclude infatti riferimenti a settori particolarmente rilevanti come il socio-sanitario, i servizi sociali o quelli legati alle politiche attive del lavoro.

27 Gennaio 2021

Ricerca e sviluppo, solo con la frode sanzione per crediti inesistenti

Il Sole 24 Ore - Diego Avolio e Benedetto Santacroce - Pag. 24

Nessun automatismo per le frodi relative a crediti inesistenti. Assonime, con la circolare 1/2021 diffusa ieri, stabilisce che le sanzioni per credito inesistente contestate dagli uffici delle Entrate per il recupero del credito d’imposta R&S non possono essere applicate per via automatica, dovendosi valutare, caso per caso, il comportamento eventualmente fraudolento del contribuente. L’Amministrazione finanziaria ha di recente affermato che qualora a seguito di controlli venga accertato che l’attività o le spese sostenute non siano ammissibili al credito d’imposta ricerca e sviluppo, si configura un’ipotesi di utilizzo di un credito inesistente, per carenza totale o parziale del presupposto costitutivo, ed il relativo atto di recupero dovrà essere notificato entro il 31 dicembre dell’ottavo anno successivo a quello del relativo utilizzo in compensazione.

27 Gennaio 2021

Digital tax, una sola società obbligata per il gruppo

Il Sole 24 Ore - Alberto Sandalo e Antonio Tomassini - Pag. 24

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito il modello di dichiarazione per l’imposta sui servizi digitali. L’Amministrazione è dunque pronta a ricevere le prime dichiarazioni annuali per il 2020. Ricordiamo che la scadenza per il primo versamento è fissata al 16 marzo mentre per la trasmissione delle dichiarazioni c’è tempo fino al 30 aprile. Il modello segue la pubblicazione del provvedimento attuativo. Restano, tuttavia, delle incertezze che coinvolgono aspetti chiave tra cui: il preciso contorno dei ‘servizi digitali’, il perimetro delle attività escluse, nell’ambito dei servizi digitali qualificati quali sono i flussi di ricavi da considerare e quali no, quali sono i criteri di geolocalizzazione degli utenti alternativi all’indirizzo IP del dispositivo che potranno essere accettati dall’amministrazione. È prevista una doppia soglia di ricavi: almeno 750 milioni di euro realizzati e almeno 5,5 milioni di euro percepiti da servizi digitali qualificati collegati a utenti localizzati in Italia.

27 Gennaio 2021

La delibera sul cappotto deve evitare di cambiare beni privati dei dissenzienti

Il Sole 24 Ore - Michele Orefice - Pag. 25

L’installazione del cappotto termico sulle pareti dell’edificio può rappresentare la via più veloce per assicurare il beneficio fiscale dell’ecobonus al 110%, visto che per deliberarlo all’assemblea condominiale basta la maggioranza dei presenti che rappresenti almeno un terzo dei millesimi totali dell’edificio. Rispettare i quorum deliberativi non è però sufficiente perché l’assemblea è chiamata a valutare anche le eventuali conseguenze dell’intervento tecnico da realizzare. L’assemblea non potrebbe decidere di obbligare i condòmini dissenzienti a eseguire interventi nelle loro parti esclusive, a seguito dell’installazione del cappotto termico sull’edificio condominiale. Potrebbe essere affetta da nullità assoluta la delibera che approva l’esecuzione dei lavori senza il consenso del proprietario esclusivo quando l’installazione del cappotto determini spese a carico dei condòmini dissenzienti. Pensiamo alla necessità di dover rifare soglie e davanzali a causa dello spessore del cappotto.

27 Gennaio 2021

Fattura elettronica, sulla conservazione servono chiarimenti

Il Sole 24 Ore - Vincenzo Colarocco - Pag. 25

L’obbligo di fatturazione elettronica, introdotto da gennaio 2019, vale tanto nel caso in cui la cessione del bene o la prestazione di servizio venga effettuata tra due operatori Iva, quanto nel caso in cui la stessa sia fatta da un operatore Iva verso un consumatore finale. In questo contesto, il condominio rientra nel novero dei soggetti giuridici privi di partita Iva, ma beneficiando delle prestazioni e dei servizi dei propri fornitori e dell’amministratore di condominio, è certamente destinatario delle fatture elettroniche emesse da quest’ultimi. Il primo dubbio è se gli amministratori siano tenuti a osservare le regole generali dettate dalla normativa primaria in materia di gestione dei documenti informatici e dall’Agenzia delle Entrate in materia di ricezione e conservazione delle fatturazioni elettroniche. A complicare le cose è intervenuto un interpello della Dre dell’Emilia Romagna – 909-859/2018 – secondo cui la ricezione e conservazione delle fatture elettroniche intestate al condominio obbliga l’amministratore ad archiviare con le modalità previste per le partite Iva.

27 Gennaio 2021

Rottamazione ter anche dopo liquidazione automatica

Italia Oggi - Debora Alberici - Pag. 29

Via libera alla rottamazione ter anche quando la cartella viene emessa sulla base della liquidazione automatica e cioè sui dati forniti in dichiarazione dal contribuente. Lo ha sancito la Corte di cassazione con l’ordinanza n. 1590 del 26 gennaio 2021. I giudici con l’ermellino hanno dato torto all’Amministrazione finanziaria ritenendo ammissibile la rottamazione della cartella. La controversia è definibile in forma agevolata in quanto la cartella, essendo l’unico atto portato a conoscenza del contribuente con cui si rende nota la pretesa fiscale e non essendo preceduta da avviso di accertamento, è impugnabile non solo per vizi propri della stessa, ma anche per questioni che attengono direttamente al merito della pretesa fiscale.

27 Gennaio 2021

Unico, il ritardo non è oneroso

Italia Oggi - Giuliano Mandolesi - Pag. 30

La presentazione di una dichiarazione tardiva non obbliga il contribuente al contestuale versamento delle sanzioni e delle relative imposte emergenti. Differentemente da quanto indicato dall’Agenzia delle Entrate nelle lettere di compliance recapitate ai contribuenti che non hanno inviato la dichiarazione dei redditi lo scorso 10 dicembre benché obbligati, la presentazione di una dichiarazione tardiva non obbliga il contribuente al contestuale pagamento delle imposte correlate. L’Agenzia nella lettera informa che è possibile, entro il 10 marzo 2021, inviare il modello Redditi PF 2020 per beneficiare di una significativa riduzione delle sanzioni ed in questo caso ‘oltre alle sanzioni stesse il contribuente deve versare contestualmente le imposte ed i relativi interessi.

27 Gennaio 2021

Scambio dati bocciato

Italia Oggi - Matteo Rizzi - Pag. 31

La Corte dei conti europea ieri ha analizzato lo scambio dei dati di 5 Paesi dell’Unione europea, tra cui l’Italia. Le lacune del sistema di scambio di dati fiscali incoraggiano l’elusione e l’evasione delle imposte. I Paesi della Ue perdono infatti 190 miliardi di euro di gettito all’anno. E l’Italia è uno tra i 5 Paesi con più rischi nell’Unione. Le stime dicono che il mancato gettito fiscale dovuto all’elusione delle sole imposte sulle società nella Ue è compreso tra 50 e 70 miliardi di euro all’anno; raggiunge 190 miliardi di euro considerando anche i regimi fiscali speciali e le inefficienze della riscossione delle imposte.

27 Gennaio 2021

Per cani e gatti 50 euro in più

Italia Oggi - Andrea Bongi - Pag. 32

50 euro in più per la cura di cani e gatti. Dallo scorso 1°gennaio, la legge di Bilancio 2021 ha aumentato a 550 euro (rispetto al vecchio tetto di 500 euro) la spesa massima detraibile per spese veterinarie per la cura di animali domestici. Anche queste spese devono essere pagate con moneta tracciabile pena la perdita della detraibilità fiscale. Dal punto di vista soggettivo, la detrazione spetta al soggetto che ha sostenuto i costi anche se non risulta essere proprietario dell’animale interessato. Non sono detraibili le spese veterinarie sostenute per la cura di animali destinati all’allevamento, alla riproduzione o al consumo alimentare e di animali allevati o detenuti nell’esercizio di attività commerciali o agricole.

27 Gennaio 2021

Bonus casa, da Enea siti ad hoc

Italia Oggi - Pag. 33

Online i portali per l’invio ad Enea dei dati relativi ad ecobonus e bonus casa. Parliamo dei siti Ecobonus 2021 e Bonus Casa 2021 attraverso i quali trasmettere all’Enea i dati relativi agli interventi di efficienza energetica con fine lavori nel 2021 che possono beneficiare delle detrazioni fiscali. Il termine per l’invio dei dati è di 90 giorni dalla data di fine lavori; per tutti gli interventi conclusi tra il 1°gennaio 2021 e il 25 gennaio 2021, il termine di 90 giorni decorre dal 25 gennaio 2021. All’Enea vanno inviati i dati relativi alle riqualificazioni energetiche del patrimonio edilizio esistente e i dati bonus facciate devono essere inseriti nella sezione ecobonus. Sulla sezione bonus casa vanno invece inseriti i dati per gli interventi di risparmio energetico e utilizzo di fonti rinnovabili che usufruiscono delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie.

Le rassegne e il calendario fiscale sono un prodotto Metaping - Servizi per Commercialisti, Avvocati e Ordini Professionali