CARICAMENTO...

Rassegna Stampa Fiscale

18 Giugno 2021

Fisco, rinvio di due mesi per le cartelle esattoriali

Corriere della Sera - Andrea Ducci - Pag. 27

Il 30 giugno dovrebbe ripartire l’attività di notifica e di riscossione delle cartelle esattoriali ma tra le forze di maggioranza c’è consenso quasi unanime verso un ulteriore slittamento. La nuova proroga sarà di due mesi. Dunque se ne riparlerà il 1° settembre. Diversi emendamenti al decreto legge Sostegni-bis, ora all’esame della commissione Bilancio della Camera, vanno in questa direzione. È probabile, tuttavia, che la modifica di rinvio a settembre arrivi attraverso una proposta presentata dal relatore del provvedimento. Per rottamazione e saldo e stralcio si sta valutando l’ipotesi di una rateizzazione con scadenze più lunghe. Potrebbe slittare dal 30 giugno al 20 luglio, invece, il versamento del saldo-acconto di Irpef, Ires ed Irap per i soggetti Isa. La prossima settimana sarà definito il pacchetto di modifiche al Dl Sostegni-bis, molto attesi sono i nuovi fondi per gli ecoincentivi auto e la nuova Sabatini. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘’Cartelle, più vicino lo stop ai versamenti per tutto agosto’ – pag. 35)

18 Giugno 2021

Prestiti garantiti solo fino a otto anni. Stretta Ue sulla proroga

Il Sole 24 Ore - Laura Serafini - Pag. 8

La Commissione europea ha fissato a 8 anni la durata massima per i prestiti garantiti dallo Stato, sconfessando quanto previsto nel decreto legge Sostegni-bis che prevedeva di poter estendere la durata dei finanziamenti oltre i 30 mila euro da 6 fino a 10 anni, sia per chi aveva già beneficiato dell’erogazione che per chi ne chiedeva una nuova. Bruxelles ha inoltre messo un limite anche sulla garanzia, che per i prestiti oltre i 30 mila euro, potrà arrivare a un massimo dell’80% contro il 90% attuale. Non è chiaro se la riduzione della garanzia è prevista anche per chi ha già in essere un finanziamento e ne chiede l’allungamento da 6 a 8 anni. Il confronto sui dettagli è ancora in corso, ma secondo indiscrezioni i rappresentanti del Mef e del Mise avrebbero già accettato le indicazioni della Commissione europea. Entro oggi è atteso il via libera formale della Commissione alla possibilità di prorogare le moratorie garantite dallo Stato.

18 Giugno 2021

Fisco, prove d’intesa sugli acconti a rate

Il Sole 24 Ore - Marco Mobili e Gianni Trovati - Pag. 8

Mentre la commissione Finanze lavora sulla riforma fiscale si fa strada l’ipotesi di un regime opzionale sugli acconti delle partite Iva, per consentire a chi vuole di superare l’attuale calendario fondato sui due appuntamenti di giugno e novembre per spalmare i pagamenti su più rate senza sanzioni né interessi. Gli ostacoli, tuttavia, non mancano a cominciare dalle possibili ricadute sui saldi di finanza pubblica. I tempi sono stretti visto che l’accordo tra le forze politiche per definire il documento unitario della proposta parlamentare dovrà arrivare entro il 30 giugno. A dividere Lega e M5S è la questione degli acconti; maggiore consenso sembrano avere il superamento dell’Irap che verrà fuso nell’Ires e il rilancio dell’Iri. Ma su queste proposte pesa il problema della gestione finanziaria della riforma.

18 Giugno 2021

Rettifica rimanenze anche senza continuità

Il Sole 24 Ore - Laura Ambrosi - Pag. 35

Con l’ordinanza n. 17312 depositata ieri, la Corte di cassazione ha stabilito la legittimità della rettifica delle rimanenze iniziali anche se le finali dell’anno precedente non sono state accertate. L’Ufficio, infatti, ha l’obbligo di adeguare i valori solo relativamente agli anni successivi ma non per i precedenti. Tutto ha inizio da un avviso di accertamento con il quale l’Ufficio rettificava a una società le rimanenze iniziali perché ritenute insussistenti. Il provvedimento veniva impugnato dinanzi al giudice tributario. Entrambi i giudici di merito accoglievano il gravame. L’Agenzia ricorreva in Cassazione. Qui gli ‘ermellini’ hanno accolto il ricorso riconoscendo, in sede di accertamento, il potere di rideterminare il valore delle rimanenze. Inoltre la rettifica delle rimanenze iniziali non obbliga l’Ufficio a ritoccare quelle finali dell’esercizio precedente. Dunque, se l’Agenzia modifica le rimanenze iniziali di un anno, tale valore non deve essere automaticamente considerato quale rimanenza finale dell’anno precedente.

18 Giugno 2021

Con la Cila sul 110% il controllo scivola in avanti

Il Sole 24 Ore - Guglielmo Saporito - Pag. 37

Spetterà al mercato frenare i fenomeni di abusivismo, squalificando le costruzioni non pienamente legittime. Con il decreto legge 77/2021, per fruire dei bonus fiscali, il tecnico del committente i lavori dovrà dichiarare la situazione edilizia, tramite riferimenti molto generici. Restano in ombra, nella procedura di utilizzo dei bonus, i vari aspetti della regolarità edilizia: legittimità dei volumi, superfici e destinazioni, nonché l’impiantistica ed importanti caratteristiche strutturali perdono rilievo pur restando indispensabili. Per ciò che concerne le caratteristiche strettamente edilizie degli interventi con bonus, va dichiarata solo una generica situazione di partenza. Questo in quanto il legislatore ha preso atto dei lunghi tempi necessari per comprendere se un edificio sia legittimo o meno. Ma i controlli vengono solo rinviati all’atto di trasferimento dell’immobile. All’acquirente il compito di indagare sulla legittimità urbanistica del bene.

18 Giugno 2021

Niente accise sui carburanti per le navi da crociera ferme

Il Sole 24 Ore - Benedetto Santacroce ed Ettore Sbandi - Pag. 38

Esenzione dalle accise per le navi da crociera in stazionamento forzoso a causa dell’emergenza Covid-19 e che tuttavia permangono armate nelle località portuali, in condizione di pronta navigazione. L’Agenzia delle Dogane e Monopoli sceglie con la circolare 20/D/2021 di assistere le grandi imprese che sono state (e in buona parte lo sono ancora) gravemente penalizzate dalla pandemia. La chance resta fino alla data di cessazione dello stato di emergenza. L’Adm ha infatti disposto che per i rifornimenti delle navi da crociera necessari per consentire il funzionamento degli impianti tecnologici e delle apparecchiature di bordo in continuità anche durante lo stazionamento, si possono ritenere soddisfatti i presupposti per l’applicazione dell’esenzione da accisa di cui al paragrafo 3, tabella A, Testo unico delle accise. Resta da definire la portata dell’agevolazione per le navi in partenza fuori dalla Ue.

18 Giugno 2021

Trust, con la tassazione all’uscita per l’imposta versata c’è il rimborso

Il Sole 24 Ore - Andrea Vasapolli - Pag. 38

Nell’ambito della pianificazione patrimoniale per il passaggio generazionale il trust è l’istituto giuridico più utilizzato. Finora chi ha istituito trust familiare lo ha fatto per il regime fiscale che l’Agenzia delle Entrate riteneva applicabile. Dal mese di giugno 2019, con oltre 100 pronunciamenti, la Corte di cassazione ha contestato l’interpretazione del fisco e sostenendo che deve essere assoggettata ad imposizione l’attribuzione finale del patrimonio dal trustee ai beneficiari, applicando la normativa in vigore nel momento in cui si realizza tale attribuzione. Nel 2021 le Entrate, in tre risposte ad interpello, hanno preso posizione riconoscendo che è fiscalmente rilevante ai fini dell’imposta sulle successioni e donazioni l’attribuzione del patrimonio dal trustee ai beneficiari. Le conseguenze sono rilevanti sia per chi ha già istituito un trust sia per chi lo farà in futuro. Per chi ha già istituito un trust l’imposta versata all’entrata potrà essere recuperata presentando domanda di rimborso.

18 Giugno 2021

Bonus acqua, vale il principio di cassa anche per la contabilità semplificata

Il Sole 24 Ore - Giorgio Gavelli - Pag. 39

La legge di Bilancio 2021 ha disposto un bonus acqua potabile ossia un credito d’imposta del 50% per l’acquisto e l’installazione di sistemi utili a migliorare la qualità dell’acqua da bere in casa e ridurre, di conseguenza, il consumo di contenitori di plastica. L’agevolazione si discosta per l’imputazione delle spese dagli sconti dedicati alla casa. Nel provvedimento che disciplina la misura al punto 3.2 si legge che per l’imputazione delle spese occorre fare riferimento al criterio di cassa anche per i soggetti in regime di contabilità semplificata, specificando che per coloro che hanno optato per l’applicazione del criterio della registrazione Iva, il pagamento si intenderà effettuato alla data di registrazione del documento contabile. È bene ricordare che per i beneficiari diversi da quelli esercenti attività d’impresa in contabilità ordinaria, il credito d’imposta spetta a condizione che le spese siano sostenute con versamento bancario o postale o mediante carte di debito, di credito, prepagate e assegni.

18 Giugno 2021

Bonifiche e messa in sicurezza, Iva al 10% se c’è l’ok della Regione

Il Sole 24 Ore - Paola Ficco - Pag. 39

L’Agenzia delle Entrate, nella risposta a interpello n. 399 dello scorso 10 giugno, ha chiarito che agli interventi di bonifica e messa in sicurezza di siti contaminati di applica l’aliquota Iva del 10%. Analogo regime ridotto anche per la caratterizzazione e le altre attività che, necessariamente, precedono l’intervento nonché alle prestazioni per la realizzazione delle opere purché ricomprese in un progetto di bonifica approvato dalla Regione. Nel caso concreto, la sussistenza di un Piano regionale di bonifica approvato e di un Documento preliminare di avvio della progettazione, hanno consentito all’Agenzia di confermare il piano argomentativo del 2007 e di ritenere che l’aliquota Iva al 10% possa essere applicata sia agli interventi di bonifica sia alle attività di caratterizzazione e alle altre prodromiche.

18 Giugno 2021

Ocse: gli evasori dietro le sbarre

Italia Oggi - Matteo Rizzi - Pag. 26

La guida aggiornata dell’Ocse per combattere i reati fiscali chiede di rendere penali le fattispecie di chi froda il fisco. Nei casi più gravi è opportuno ricorrere anche al carcere. In Italia, alcune fattispecie di reato sono già sanzionate con la reclusione. Un esempio è la dichiarazione fiscale fraudolenta mediante l’uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti che può portare ad una condanna massima di 10 anni e 8 mesi di reclusione. La guida contiene 10 principi essenziali che coprono gli aspetti legali, istituzionali e amministrativi necessari per mettere in atto un sistema per combattere l’evasione. Il documento è stato preparato dal Centro per la politica e l’amministrazione fiscale dell’Ocse ed è stato approvato dalla task force dell’Ocse sui crimini fiscali e dal Comitato per gli affari fiscali.

18 Giugno 2021

Studi di settore inutilizzabili dal fisco

Italia Oggi - Pag. 26

La Corte di cassazione, con l’ordinanza n. 17303 di ieri, ha affermato che gli studi di settore sono inutilizzabili quando i soci, dell’azienda alla quale si contesta la condotta antieconomica, sono inquadrati come dipendenti e amministratori. I giudici di legittimità hanno respinto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate che aveva contestato ad una Srl ricavi in nero dal momento che i compensi dei soci erano apparsi sproporzionati rispetto al fatturato. Gli ‘ermellini’ hanno precisato che la procedura di accertamento tributario da studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici la cui gravità, precisione e concordanza non è ‘ex lege’ determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli ‘standard’ in sé considerati quali meri strumenti di ricostruzione della normale redditività, ma nasce solo in esito al contraddittorio da attivare obbligatoriamente, pena la nullità dell’accertamento.

18 Giugno 2021

Scadenze fiscali, rinvio breve

Italia Oggi - Cristina Bartelli - Pag. 27

Il Dpcm che rinvia gli adempimenti del 30 giugno al 20 luglio è sul tavolo del ministro dell’Economia, Daniele Franco. Il provvedimento interessa i soggetti Isa e i forfettari. La proroga ricalcherà quella già concessa nel 2020. Ma le novità non finiscono qui perché tra le modifiche al decreto legge Sostegni-bis troveranno posto anche il rinvio della sospensione delle cartelle e l’abbattimento dei contributi previdenziali per gli stagionali. Per i forfettari e i soggetti Isa lo slittamento concerne i versamenti di saldo e primo acconto nella misura minima del 50% di quanto dovuto oltre eventuali maggiorazioni Ires per le società di comodo. Le imposte sono Ires, Irpef, Irap sostitutiva forfettari e cedolare secca. Per le modifiche al decreto legge n. 73 del 25 maggio scorso ci sono a disposizione circa 4 miliardi di euro parte dei quali derivanti dagli avanzi sulle richieste di sostegni erogati.

18 Giugno 2021

Un superbonus strada facendo

Italia Oggi - Fabrizio G. Poggiani - Pag. 29

Con due distinte risposte del 16 giugno scorso, la nn. 410 e 415, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sulla fruibilità dei bonus edilizi, sia ordinari che super agevolati, sostenendo che attraverso la presentazione dell’attestazione della congruità delle spese per gli interventi, risulta possibile il cambio in corsa nella scelta iniziale e l’ottenimento della detrazione maggiorata al 110%. Le società veicolo d’appoggio senza redditi imponibili non possono fruire di nessuna detrazione edilizia.

18 Giugno 2021

Redditometro, i fari sul 2021

Italia Oggi - Andrea Bongi - Pag. 31

La banca dati tributaria alimentata dalle informazioni presenti nelle dichiarazioni dei redditi del periodo d’imposta 2020 costituirà la base di riferimento delle future determinazioni sintetiche dei redditi delle persone fisiche. Tra gli elementi indicativi di capacità contributiva che verranno utilizzati sulla base di dati certi perché presenti in anagrafe tributaria vi sono, infatti, i canoni di locazione per gli studenti universitari, le spese per la manutenzione ordinaria o straordinaria degli immobili, gli assegni all’ex coniuge, gli acquisti di medicinali e le spese mediche. Elementi che, in massima parte, costituiscono i quadri E ed RP dei modelli 730 e Redditi PF nei quali vengono indicate le spese e gli oneri che danno diritto a deduzioni o detrazioni Irpef. Unico e 730 del 2021 costituiscono un primo banco di prova per testare la tenuta dei redditi dichiarati dalle persone fisiche rispetto a quelli potenzialmente accertabili con il nuovo redditometro.

18 Giugno 2021

Ok cessioni a rate residue

Italia Oggi - Giuliano Mandolesi - Pag. 32

Via libera dell’Agenzia delle Entrate alle cessioni, comprese quelle a catena, delle ‘rate residue’ dei crediti d’imposta concessi per i bonus edilizi. L’operazione risultava fino a pochi giorni fa bloccata per mancanza dell’aggiornamento del portale dell’agenzia. I contribuenti, quindi, possono cedere le rate residue relative alle spese sostenute nel 2020 per interventi che danno accesso alle detrazioni fiscali per le opere edilizie, Superbonus compreso. I cessionari/acquirenti, a loro volta, potranno rimettere sul mercato i crediti d’imposta acquisiti e formalizzare ulteriori operazioni di cessione liquidando immediatamente il credito incamerato. Si parla di rate residue poiché i termini per le compravendite delle ‘quote 2020’ di questi tax credit, la cui detrazione si spalma su più annualità, si è chiusa lo scorso 15 aprile. Da quel giorno, a causa del mancato aggiornamento del software, era possibile procedere solo alle cessioni dei crediti relativi a spese sostenute nel 2021.

18 Giugno 2021

Chiarimenti sul regime fiscale dei contributi a favore dei settori dello spettacolo

Ugo Cacaci - Pag. 1

Non rileva fiscalmente il contributo erogato al Teatro se è stato stanziato al fine di contrastare gli effetti negativi conseguenti all’emergenza epidemiologica da Covid-19. È quanto emerge dalla risposta n. 411 del 16 giugno 2021 con la quale l’Agenzia delle Entrate soddisfa gli interrogativi formulati da un Teatro Stabile sul corretto trattamento fiscale dei contributi ricevuti. La circostanza che le risorse assegnate provengano dal Fondo sviluppo e coesione di cui all’articolo 1, comma 6, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 e dal Fondo unico dello Spettacolo non impedisce l’applicazione del regime esentativo in quanto l’articolo 10-bis del decreto Ristori (Dl n. 137/2020) fa esclusivo riferimento alla natura del contributo e alla sua discontinuità con quelli ordinariamente erogati. Dunque, non conta la provenienza delle risorse economiche destinate a finanziare i contributi erogati a seguito dell’emergenza sanitaria. Continua a leggere

Le rassegne e il calendario fiscale sono un prodotto Metaping - Servizi per Commercialisti, Avvocati e Ordini Professionali